Severgnini Beppe

Corriere della Sera

Beppe Severgnini scrive per Corriere della Sera dal 1995 e ha appena pubblicato La pancia degli italiani. Berlusconi spiegato ai posteri (Rizzoli 2010). Dal 1998 conduce il forum Italians al quale ha dedicato Italians. Il giro del mondo in 80 pizze (Rizzoli 2008). Ha scritto per The Economist (1993-2003) e per il New York Times Syndicate (2007-2009). Nel 2004, a Bruxelles, è stato votato European Journalist of the Year.

I libri, pubblicati in Italia da Rizzoli, sono bestseller. Beppe Severgnini ha scritto tre ritratti nazionali: Inglesi (1990), Un italiano in America (1995) e La testa degli italiani (2005). Due libri sulla lingua: L'inglese. Lezioni semiserie (1992) e L'italiano. Lezioni semiserie (2007). Due libri di viaggio: Italiani con valigia (1993), Manuale dell'imperfetto viaggiatore (2000) e l'autobiografia Italiani si diventa (1998).

Un italiano in America, col titolo Ciao, America (Doubleday, 2002) è diventato un National Bestseller negli USA. La testa degli italiani, col titolo La Bella Figura (Doubleday, 2006) è stato New York Times Bestseller, ed è tradotto in dodici lingue.

Appassionato di calcio, Beppe scrive per La Gazzetta dello Sport dal 2001 ed è autore di una multipla dichiarazione d'amore alla squadra del cuore: Interismi (2002), Altri interismi (2003) e Tripli Interismi! (2007). I tre volumi sono raccolti nel Manuale del Perfetto Interista.

Beppe Severgnini ha scritto e condotto le trasmissioni televisive Italians, cioè italiani (RaiTre 1997), Luoghi Comuni. Un viaggio in Italia (RaiTre 2001 e 2002). Dal 2004 collabora a SKY Tg24 con interviste, conduzioni e commenti (Severgnini alle 10, America 2008, Zona Severgnini). Dal 2007 interviene quotidianamente su RadioMontecarlo.

Beppe è nato il 26 dicembre 1956 a Crema (Cremona), dove ha studiato fino alla maturità classica. Laureato in diritto internazionale a Pavia, dopo un periodo presso la Comunità Europea a Bruxelles è stato corrispondente a Londra per Il Giornale di Montanelli (1984-1988), inviato in Europa Orientale, Russia e Cina (1988-1992), distaccato presso The Economist a Londra (1993), corrispondente a Washington D.C. per La Voce (1994-1995).

Tiene un corso alla Scuola di giornalismo Walter Tobagi dell'Università degli Studi di Milano/Ifg (2009/2010), è stato Research Fellow/writer in residence al MIT/Massachusetts Institute of Technology (2009), ha insegnato a Middlebury College Vermont (2006), Milano-Bocconi (2003 e 2006), Parma (1998) e Pavia (2002), che lo aveva scelto come «laureato dell'anno» per il 1998; e ha tenuto lezioni in molte altre università, in Italia e all'estero.

Nel 2001 Elisabetta II gli ha conferito il titolo di Officer of the British Empire, O.B.E.