Meno odio, più conversazione: la moderazione dei commenti e il caso “Less hate, more speech”

2016-04-6 17:00:00 2016-04-6 18:00:00 Europe/Rome Meno odio, più conversazione: la moderazione dei commenti e il caso “Less hate, more speech” #ijf16 Il progetto Less Hate, More Speech implementa un esperimento svolto nel campo della moderazione dei commenti sui principali siti dei media mainstream in Romania. I media partner sono gsp.ro - uno dei più grandi siti di informazione rumeni con oltre 3 milioni di visitatori unici al mese, e terzo giornale online nel gradimento dei lettori - e tolo.ro, il blog del suo caporedattore, tra i migliori giornalisti investigativi in Romania. Less Hate, More Speech è un esperimento low-tech rispetto al Coral Project, e simile all'Engaging News Projects per gli obiettivi che si pone. È implementato in una nuova democrazia in cui i media che puntano all'accuratezza e all'indipendenza politica nel raccontare l'attualità affrontano importanti sfide economiche e professionali. L'esperimento di moderazione è stato sviluppato da MRC (Marina Popescu, Roxana Bodea) in stretta collaborazione con il capo redattore dei nostri media partner (Catalin Tolontan). Si tratta di un processo, attentamente monitorato, di sviluppo e implementazione delle regole di moderazione, in collaborazione con giornalisti fortemente impegnati per i diritti umani e le libertà politiche, e completamente integrati in un contesto nazionale caratterizzato da scarsi consapevolezza e apprezzamento degli standard contemporanei propri di un dialogo civile, inclusivo, che conferisce potere e da alti livelli di intolleranza, razzismo e xenofobia presenti nelle discussioni pubbliche. L'obiettivo principale di Less Hate, More Speech è comprendere le narrazioni e i contesti che possano aiutare le persone a trovare la parte migliore di sé, facendole smettere di esprimersi, agire, rivolgendosi pubblicamente in maniera prevenuta, intollerante, discriminatoria e incivile. Il progetto prevede sondaggi, indagini di esperti di media e parlamentari e analisi multi-metodo dei commenti online sui siti di alcuni dei principali media romeni. Nell'ambito del progetto di ricerca accademica, la moderazione controllata dei commenti dei lettori su gsp.ro e tolo.ro serve come esperimento sul campo per esaminare in un contesto del tutto naturale l'impatto di una istituzionalizzazione più forte di norme di civiltà e anti-pregiudizio nei discorsi pubblici riguardanti questioni di interesse della collettività. Per una panoramica delle nostre conclusioni più recenti leggere qui. Palazzo Sorbello - Perugia

presentazioni | in lingua inglese (senza traduzione)

17:00 - 18:00   mercoledì 6/04/2016

Palazzo Sorbello

« torna al programma
Roxana Bodea
direttrice Median Research Centre
Marina Popescu
Central European University
Catalin Tolontan
giornalista e scrittore

Il progetto Less Hate, More Speech implementa un esperimento svolto nel campo della moderazione dei commenti sui principali siti dei media mainstream in Romania.

I media partner sono gsp.ro - uno dei più grandi siti di informazione rumeni con oltre 3 milioni di visitatori unici al mese, e terzo giornale online nel gradimento dei lettori - e tolo.ro, il blog del suo caporedattore, tra i migliori giornalisti investigativi in Romania.

Less Hate, More Speech è un esperimento low-tech rispetto al Coral Project, e simile all'Engaging News Projects per gli obiettivi che si pone. È implementato in una nuova democrazia in cui i media che puntano all'accuratezza e all'indipendenza politica nel raccontare l'attualità affrontano importanti sfide economiche e professionali. L'esperimento di moderazione è stato sviluppato da MRC (Marina Popescu, Roxana Bodea) in stretta collaborazione con il capo redattore dei nostri media partner (Catalin Tolontan).

Si tratta di un processo, attentamente monitorato, di sviluppo e implementazione delle regole di moderazione, in collaborazione con giornalisti fortemente impegnati per i diritti umani e le libertà politiche, e completamente integrati in un contesto nazionale caratterizzato da scarsi consapevolezza e apprezzamento degli standard contemporanei propri di un dialogo civile, inclusivo, che conferisce potere e da alti livelli di intolleranza, razzismo e xenofobia presenti nelle discussioni pubbliche.

L'obiettivo principale di Less Hate, More Speech è comprendere le narrazioni e i contesti che possano aiutare le persone a trovare la parte migliore di sé, facendole smettere di esprimersi, agire, rivolgendosi pubblicamente in maniera prevenuta, intollerante, discriminatoria e incivile.

Il progetto prevede sondaggi, indagini di esperti di media e parlamentari e analisi multi-metodo dei commenti online sui siti di alcuni dei principali media romeni. Nell'ambito del progetto di ricerca accademica, la moderazione controllata dei commenti dei lettori su gsp.ro e tolo.ro serve come esperimento sul campo per esaminare in un contesto del tutto naturale l'impatto di una istituzionalizzazione più forte di norme di civiltà e anti-pregiudizio nei discorsi pubblici riguardanti questioni di interesse della collettività.

Per una panoramica delle nostre conclusioni più recenti leggere qui.