Si fa presto a dire green

30 Aprile 2014

In una gremita “Sala Raffaello”, presso l’Hotel Brufani, si è tenuto il panel dal titolo “Si fa presto a dire green”, a cura di “Giornalisti nell’Erba”.
All’incontro moderato da Alfredo Macchi, giornalista Mediaset, hanno partecipato Paola Bolaffio, direttrice del progetto “Giornalisti nell’Erba”, Sergio Ferraris, direttore di “QualEnergia”, Marco Fattodi, direttore di “La Nuova Ecologia”, Ilaria Romano, tutor del progetto “Giornalisti nell’Erba” più alcuni addetti ai lavori, come i testimonial aziendali di Novamont e Carlsberg Italia, coinvolti nell’innovativo progetto messo in campo da Paola Bolaffio e dal suo staff.
Aspetto centrale dell’incontro è stato il rapporto tra il mondo del giornalismo e quello della “greenicità”, neologismo clonato proprio dal gruppo di Giornalisti nell’Erba durante il lavoro di ricerca condotto dai vari attori (giovani scolari, insegnanti, ricercatori e giornalisti) coinvolti nel programma.
Giornalisti nell’Erba rappresenta, infatti, il punto di incontro di profili diversi che, cercando di valorizzare quanto più possibile il binomio tra giornalismo e ambiente, hanno prodotto quattro inchieste (“Green sin dall’inizio”; “Basta produrre green per essere green?”; “Come si misura la greenicità”; “Può una multinazionale essere green?”) presentate in anteprima al IJF2014.
Forte del contributo di tutti i soggetti coinvolti, Giornalisti nell’Erba ha però il suo cuore pulsante nel forte contributo dei bambini delle scuole. Nel corso del dibattito tutti gli ospiti non hanno potuto non sottolineare quanto innovativo e ricco di significato fosse stato l’approccio dei più piccoli, capaci, con la loro ingenuità e col loro grande senso di curiosità, di proporre domande anche scomode alle aziende che hanno deciso di mettersi in gioco nel progetto.

Gennaro Buonavita