Da un modello focalizzato sul prodotto in quanto tale, ad una lettura più ampia, con una narrazione che vede il prodotto quale sintesi di un contesto geografico, sociale e culturale.

In quest’ottica, la nascita di nuovi attori (food/wine blogger) e nuovi strumenti (social media) ha reso il panorama più sfaccettato. Con alcuni rischi, soprattutto legati alla conoscenza tecnica dei prodotti. Con il concreto rischio di passare dalla verosimiglianza alla post-verità. Proprio in questa prospettiva, il tema del ‘fact checking’ diventa allora elemento non trascurabile anche nella narrazione ... eno-spiritosa.

Organizzato e sponsorizzato da Federvini.