40 anni dopo l'appello dei premi nobel: quale politiche di sviluppo per il 21° secolo?

2018-04-14 12:00:00 2018-04-14 13:15:00 Europe/Rome 40 anni dopo l'appello dei premi nobel: quale politiche di sviluppo per il 21° secolo? #ijf18 24 giugno 1981, su iniziativa del Partito Radicale, veniva diffuso nelle maggiori capitali dell'Occidente un documento contro lo sterminio per fame sottoscritto da decine di Premi Nobel. Era la risposta degli uomini di scienza all'indifferenza dei governi, dei mass media e dei singoli alle spaventose cifre che annunciavano la sicura morte di milioni di persone per fame nel Sud del mondo. Dopo quasi quarant’anni si rifletterà su quali possono essere le azioni globali per contrastare la nuova emergenza della fame del mondo, incrementata dai cambiamenti climatici, le migrazioni di massa e la violazione sistematica dei più elementari diritti in tanti Paesi africani e asiatici. Organizzato in collaborazione con Radio Radicale. Sala del Dottorato - Perugia

panel discussion | con traduzione simultanea in inglese/italiano

12:00 - 13:15   sabato 14/04/2018

Sala del Dottorato

« torna al programma
Vittorio Alberti
filosofo e storico
Massimiliano Coccia
Radio Radicale
Penelope Faulkner
Action for Democracy in Vietnam
André Gattolin
senatore En Marche!
Abdirahman Mahdi
co-fondatore Ogaden National Liberation Front
Sam Rainsy
politico cambogiano in esilio
Mona Silawi
Unrepresented Nations and Peoples Organization
Saumura Tioulong
Cambodia National Rescue Party

24 giugno 1981, su iniziativa del Partito Radicale, veniva diffuso nelle maggiori capitali dell'Occidente un documento contro lo sterminio per fame sottoscritto da decine di Premi Nobel. Era la risposta degli uomini di scienza all'indifferenza dei governi, dei mass media e dei singoli alle spaventose cifre che annunciavano la sicura morte di milioni di persone per fame nel Sud del mondo. Dopo quasi quarant’anni si rifletterà su quali possono essere le azioni globali per contrastare la nuova emergenza della fame del mondo, incrementata dai cambiamenti climatici, le migrazioni di massa e la violazione sistematica dei più elementari diritti in tanti Paesi africani e asiatici.

Organizzato in collaborazione con Radio Radicale.










Fotografie