Maryam Al-Khawaja

consulente per i diritti umani

Maryam Al-Khawaja è Human Rights Defender del Bahrein, lavora come consulente speciale per i diritti umani per varie ONG ed è membro del Board of the International Service for Human Rights, di Urgent Action Fund e di No Hiding Place. Precedentemente è stata co-direttore del Gulf Center for Human Rights (2012-2017) e presidente ad interim del Bahrain Centre for Human Rights (2012-2014). Nel febbraio 2011, Al-Khawaja ha svolto un ruolo determinante durante le proteste democratiche di Pearl Roundabout, in Bahrein, che hanno scatenato una violenta reazione da parte del governo attraverso omicidi extragiudiziali, arresti e torture. A causa del suo impegno, Maryam è stata oggetto di aggressioni, minacce, campagne diffamatorie e reclusione a seguito di un processo non equo. Nel corso degli ultimi anni, Al-Khawaja si è affermata come voce autorevole in difesa dei diritti umani e a favore di una riforma politica in Bahrein e nella regione del Golfo. Maryam è una figura influente nel cercare sostegno in tutto il mondo e nel coinvolgere esponenti politici di primo piano europei e americani che hanno rilasciato dichiarazioni ufficiali contro le atrocità commesse in Bahrein. Al-Khawaja ha ricevuto numerosi riconoscimenti per il suo lavoro per i diritti umani, tra cui il Rafto Prize. Nel 2013, la famiglia Al-Khawaja è stata proposta per il premio Nobel per la Pace da un membro del Parlamento europeo.

Maryam Al-Khawaja partecipa a questi eventi:

14:00 - 15:00  giovedì 6 aprile 2017
Sala del Dottorato
Attiviste in prima linea per la libertà di espressione