Skill digitali per ragazzi

2018-04-12 14:00:00 2018-04-12 15:00:00 Europe/Rome Skill digitali per ragazzi #ijf18 Per docenti e genitori. Skill digitali, ora di coding in classe, corso di Python obbligatorio in tutte le facoltà possono davvero alzare gli standard della formazione scolastica nel nostro paese? Il cambiamento epocale che stiamo vivendo nella sfera dell’istruzione e dell’apprendimento non può essere raccontato attraverso narrative disgiunte per cui da un lato ci sono i digital skill (programmazione, pensiero computazionale etc) e, dall'altro, i soft skill (la comunicazione, il pensiero critico, la leadership, etc). La realtà non è così netta e, in un mondo progressivamente popolato dalle Intelligenze Artificiali, non si tratta più solo di comprendere quali saranno i lavori del futuro quanto piuttosto quale sarà il significato di ”lavoro" e come potrà essere distinto dal tempo libero. Per non cedere ad una mono-narrativa c’è quindi ancora tanto da pensare, comprendere e immaginare.   Hotel Brufani - Sala Perugino - Perugia

tutti a scuola! | in lingua italiana (senza traduzione)

14:00 - 15:00   giovedì 12/04/2018

Hotel Brufani - Sala Perugino

« torna al programma
Salvatore Iaconesi
Art is Open Source (via Skype)

Per docenti e genitori.

Skill digitali, ora di coding in classe, corso di Python obbligatorio in tutte le facoltà possono davvero alzare gli standard della formazione scolastica nel nostro paese?

Il cambiamento epocale che stiamo vivendo nella sfera dell’istruzione e dell’apprendimento non può essere raccontato attraverso narrative disgiunte per cui da un lato ci sono i digital skill (programmazione, pensiero computazionale etc) e, dall'altro, i soft skill (la comunicazione, il pensiero critico, la leadership, etc). La realtà non è così netta e, in un mondo progressivamente popolato dalle Intelligenze Artificiali, non si tratta più solo di comprendere quali saranno i lavori del futuro quanto piuttosto quale sarà il significato di ”lavoro" e come potrà essere distinto dal tempo libero. Per non cedere ad una mono-narrativa c’è quindi ancora tanto da pensare, comprendere e immaginare.

 










Fotografie