"La sua storia". Le giornaliste non bianche sono davvero libere di raccontare le storie che hanno a cuore?

2018-04-14 14:00:00 2018-04-14 15:15:00 Europe/Rome "La sua storia". Le giornaliste non bianche sono davvero libere di raccontare le storie che hanno a cuore? #ijf18 L'esperienza di donne giornaliste che non sono bianche europee o americane e che sono trattate in modo molto diverso dalle loro controparti bianche. "Come giornalista che lavorava per media europei e americani, ero costretta a coprire storie che non mi interessavano. Spesso lavoravo a storie personali sull'essere una donna musulmana o sull'essere Pakistan. Storie interessanti sull'arte, la cultura o la politica in Pakistan mi sono state rifiutate, mentre venivano seguite dai giornalisti bianchi "stagionati" sulle scrivanie della redazione: mentre vivevo e scrivevo da Berlino, se proponevo una storia sull'arte alternativa nella città, o sulle autorità di immigrazione tedesche, mi veniva detto che quelle storie non erano così interessanti come le storie sulla vita in Pakistan. Eppure non vivevo più in Pakistan da molti anni, né mi interessava l'Asia Meridionale. Ma un giornalista, in particolare un giornalista freelance, ha bisogno di mangiare e pagare l'affitto. I miei colleghi europei bianchi, tuttavia, non sembravano avere questi problemi: volavano in Bahrein o in Belgio per coprire qualunque storia il loro cuore desiderasse. Come giornalista, ho scritto molte di queste storie nella speranza di poter un giorno trattare storie diverse da quelle percepite come mie. Alla fine, mi sono stancata e sono tornata in Pakistan, nella mia città natale. "Hani Yousuf Il panel affronterà la questione delle donne di origini non-bianche che si sentono costrette a raccontare storie non necessariamente loro, ma che sono percepite come tali da chi ha una prospettiva prevalentemente occidentale. Palazzo Sorbello - Perugia

#UsToo | in lingua inglese (senza traduzione)

14:00 - 15:15   sabato 14/04/2018

Palazzo Sorbello

« torna al programma
Yasmin Alibhai-Brown
International Business Times
Minelle Mahtani
Università di Toronto
Cigdem Toprak
giornalista freelance
Hani Yousuf
giornalista freelance

L'esperienza di donne giornaliste che non sono bianche europee o americane e che sono trattate in modo molto diverso dalle loro controparti bianche.

"Come giornalista che lavorava per media europei e americani, ero costretta a coprire storie che non mi interessavano. Spesso lavoravo a storie personali sull'essere una donna musulmana o sull'essere Pakistan. Storie interessanti sull'arte, la cultura o la politica in Pakistan mi sono state rifiutate, mentre venivano seguite dai giornalisti bianchi "stagionati" sulle scrivanie della redazione: mentre vivevo e scrivevo da Berlino, se proponevo una storia sull'arte alternativa nella città, o sulle autorità di immigrazione tedesche, mi veniva detto che quelle storie non erano così interessanti come le storie sulla vita in Pakistan. Eppure non vivevo più in Pakistan da molti anni, né mi interessava l'Asia Meridionale. Ma un giornalista, in particolare un giornalista freelance, ha bisogno di mangiare e pagare l'affitto. I miei colleghi europei bianchi, tuttavia, non sembravano avere questi problemi: volavano in Bahrein o in Belgio per coprire qualunque storia il loro cuore desiderasse. Come giornalista, ho scritto molte di queste storie nella speranza di poter un giorno trattare storie diverse da quelle percepite come mie. Alla fine, mi sono stancata e sono tornata in Pakistan, nella mia città natale. "Hani Yousuf

Il panel affronterà la questione delle donne di origini non-bianche che si sentono costrette a raccontare storie non necessariamente loro, ma che sono percepite come tali da chi ha una prospettiva prevalentemente occidentale.










Fotografie