Relazioni brutali: ruolo e responsabilità di media e pubblicità nella violenza di genere

2018-04-12 16:45:00 2018-04-12 18:00:00 Europe/Rome Relazioni brutali: ruolo e responsabilità di media e pubblicità nella violenza di genere #ijf18 I modelli di femminile, di maschile e di relazione fra i sessi proposti da pubblicità, televisione, cinema e social media possono considerarsi parte di quel brodo di coltura in cui nascono un femminicidio o una violenza di genere? Ci siamo mai davvero domandati se chi compie simili crimini possa essere influenzato da rappresentazioni mediali che tollerano o persino incoraggiano e spettacolarizzano la violenza di genere? Nessuna giustificazione, chi agisce è sempre responsabile, ma abbiamo il dovere di conoscere e parlare di tutti gli elementi che rendono la nostra società iniqua e pericolosa per le donne. Chiara Centamori (comunicatrice e promotrice dell’incontro) introduce Riccardo Iacona (giornalista e conduttore RAI), Elisa Giomi (Prof. Sociologia della Comunicazione e dei Media e autrice del libro Relazioni brutali), Giovanni Scatassa (Vicedirettore Marketing RAI) e Annamaria Arlotta (fondatrice del gruppo Facebook “La pubblicità sessista offende tutti”) che proveranno ad immaginare nuove rappresentazioni del femminile e delle relazioni tra i generi che possano contribuire ad invertire la tendenza. La strada è ancora lunga e conviene mettersi in marcia a partire dalle esperienze positive e dalle "buone pratiche" che istituzioni mediali e singole associazioni hanno saputo costruire. Durante il panel verranno presentati, con immagini e dati, alcuni casi rilevanti. Sala dei Notari - Perugia

#UsToo | in lingua italiana (senza traduzione)

16:45 - 18:00   giovedì 12/04/2018

Sala dei Notari

« torna al programma
Chiara Centamori
consulente e project manager
Elisa Giomi
Università di Roma Tre
Riccardo Iacona
Presadiretta RAI 3

I modelli di femminile, di maschile e di relazione fra i sessi proposti da pubblicità, televisione, cinema e social media possono considerarsi parte di quel brodo di coltura in cui nascono un femminicidio o una violenza di genere? Ci siamo mai davvero domandati se chi compie simili crimini possa essere influenzato da rappresentazioni mediali che tollerano o persino incoraggiano e spettacolarizzano la violenza di genere? Nessuna giustificazione, chi agisce è sempre responsabile, ma abbiamo il dovere di conoscere e parlare di tutti gli elementi che rendono la nostra società iniqua e pericolosa per le donne.

Chiara Centamori (comunicatrice e promotrice dell’incontro) introduce Riccardo Iacona (giornalista e conduttore RAI), Elisa Giomi (Prof. Sociologia della Comunicazione e dei Media e autrice del libro Relazioni brutali), Giovanni Scatassa (Vicedirettore Marketing RAI) e Annamaria Arlotta (fondatrice del gruppo Facebook “La pubblicità sessista offende tutti”) che proveranno ad immaginare nuove rappresentazioni del femminile e delle relazioni tra i generi che possano contribuire ad invertire la tendenza. La strada è ancora lunga e conviene mettersi in marcia a partire dalle esperienze positive e dalle "buone pratiche" che istituzioni mediali e singole associazioni hanno saputo costruire.

Durante il panel verranno presentati, con immagini e dati, alcuni casi rilevanti.