In un'era in cui la sorveglianza viene rafforzata, la necessità - e la minaccia, nei confronti - di un giornalismo di denuncia si è intensificata, grazie alle rivelazioni nel 2013 di Edward Snowden su documenti classificati che mostrano quella che potrebbe diventare una nuova prassi per la tutela della sicurezza nazionale. Journalism After Snowden: The Future of the Free Press in the Surveillance State (Il giornalismo dopo Snowden: il futuro della stampa libera in uno stato di sorveglianza) di Emily Bell e Taylor Owen, pubblicato da Columbia University Press, analizza il cambiamento delle dinamiche di potere fra giornalisti e governo.