Lettori e spettatori possono far sentire la loro voce nelle sezioni dei commenti e sulle piattaforme dei social media come mai prima. L’interazione online porta in sé la promessa di una discussione stimolante e di un pubblico più coinvolto, ma sempre più spesso i giornalisti si ritrovano ad affrontare quel tipo di abusi e molestie che avvelena il dibattito genuino e che in alcuni casi può portare a un vero danno psicologico. Questo panel offrirà una guida ai troll, alle loro tattiche, habitat e varie sottospecie, che passano da quelli che sono fondamentalmente superficiali e sconsiderati a quelli che invece sono organizzati in modo più sistematico e quindi più genuinamente pericolosi. I panelist condivideranno la loro esperienza, spiegheranno le loro strategie per respingere le ondate tossiche e discuteranno di cosa può servire per creare uno spazio online libero e civile sia per i giornalisti sia per il loro pubblico.

Organizzato in collaborazione con il Dart Centre Europe.