Protezione dei giornalisti, sorveglianza di massa e diritti fondamentali

2018-04-15 15:00:00 2018-04-15 16:00:00 Europe/Rome Protezione dei giornalisti, sorveglianza di massa e diritti fondamentali #ijf18 Le statistiche riportano purtroppo una costante crescita delle minacce contro la libertà di stampa in generale e i giornalisti in particolare. La protezione della categoria dei giornalisti, non a caso, è al centro dell’attività di diversi organismi internazionali, nonché trova spesso il suo giusto riconoscimento del loro ruolo fondamentale nelle pronunce della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Diversi provvedimenti legislativi, purtroppo, rischiano di mettere in pericolo i giornalisti e le garanzie che gli ordinamenti democratici pongono a fondamento della loro professione. Di fronte a eventi tragici che ancor oggi colpiscono i giornalisti diventa, quindi, importante ricordare la protezione ad essi riconosciuta dalla comunità internazionale e gli strumenti che possono essere adoperati per segnalare situazioni di pericolo e contribuire a richiamare l’attenzione sullo stato della libertà di stampa in diversi Paesi. Organizzato in collaborazione con il Centro di Ricerca Coordinato in Information Society Law dell’Università degli Studi di Milano. Riconoscimento crediti formativi da parte dell’Ordine dei Giornalisti, prenotazione tramite il sito SIGEF (30 posti riservati all’Ordine). Hotel Brufani - Sala Priori - Perugia

law&order | in lingua italiana (senza traduzione)

15:00 - 16:00   domenica 15/04/2018

Hotel Brufani - Sala Priori

« torna al programma
Pierluigi Perri
Università degli Studi di Milano

Le statistiche riportano purtroppo una costante crescita delle minacce contro la libertà di stampa in generale e i giornalisti in particolare. La protezione della categoria dei giornalisti, non a caso, è al centro dell’attività di diversi organismi internazionali, nonché trova spesso il suo giusto riconoscimento del loro ruolo fondamentale nelle pronunce della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo. Diversi provvedimenti legislativi, purtroppo, rischiano di mettere in pericolo i giornalisti e le garanzie che gli ordinamenti democratici pongono a fondamento della loro professione. Di fronte a eventi tragici che ancor oggi colpiscono i giornalisti diventa, quindi, importante ricordare la protezione ad essi riconosciuta dalla comunità internazionale e gli strumenti che possono essere adoperati per segnalare situazioni di pericolo e contribuire a richiamare l’attenzione sullo stato della libertà di stampa in diversi Paesi.

Organizzato in collaborazione con il Centro di Ricerca Coordinato in Information Society Law dell’Università degli Studi di Milano.

Riconoscimento crediti formativi da parte dell’Ordine dei Giornalisti, prenotazione tramite il sito SIGEF (30 posti riservati all’Ordine).










Fotografie