Startup giornalistiche, questioni di genere e disuguaglianze

2018-04-13 17:45:00 2018-04-13 19:00:00 Europe/Rome Startup giornalistiche, questioni di genere e disuguaglianze #ijf18 Durante il panel si parlerà di come nelle discussioni sulle startup giornalistiche ci si concentri soprattutto sull'aspetto tecnologico, nonostante sia provato che temi come le relazioni strutturali di potere (genere, etnia, colonialismo) sono altrettanto o più importanti per capire l'impatto e i futuri sviluppi della "crisi" nel mondo del giornalismo. Si vedrà come le relazioni di potere sottostimate e l'esclusione di persone, relazioni, conoscenze trascurate, e visioni alternative del futuro hanno limitato le startup giornalistiche agli inizi del ventunesimo secolo. In particolare, crediamo che la narrativa basata su innovazione e tecnologia come unica salvezza per il giornalismo abbia sistematicamente escluso quei tipi di conoscenza che destabilizzano le relazioni di potere egemoniche, e che mettono in discussione identità professionali ed epistemologie stereotipate nel mondo del giornalismo. Oltre a queste esclusioni, le tecnologie digitali sono state reificate fino al punto che il loro ruolo come forze modernizzanti del giornalismo è relativamente accettato, nonostante gli studi femministi, postcoloniali, scientifici e tecnologici suggeriscano il bisogno di un approccio molto più critico alla logica postcoloniale legittimata. Ma a chi spetta davvero plasmare il futuro del giornalismo?   Palazzo Sorbello - Perugia

#UsToo | in lingua inglese (senza traduzione)

17:45 - 19:00   venerdì 13/04/2018

Palazzo Sorbello

« torna al programma
Candis Callison
Università della Columbia Britannica
Anita Li
director of communities Discourse Media
Minelle Mahtani
Università di Toronto
Nikki Usher
George Washington University
Mary Lynn Young
Università della British Columbia

Durante il panel si parlerà di come nelle discussioni sulle startup giornalistiche ci si concentri soprattutto sull'aspetto tecnologico, nonostante sia provato che temi come le relazioni strutturali di potere (genere, etnia, colonialismo) sono altrettanto o più importanti per capire l'impatto e i futuri sviluppi della "crisi" nel mondo del giornalismo. Si vedrà come le relazioni di potere sottostimate e l'esclusione di persone, relazioni, conoscenze trascurate, e visioni alternative del futuro hanno limitato le startup giornalistiche agli inizi del ventunesimo secolo. In particolare, crediamo che la narrativa basata su innovazione e tecnologia come unica salvezza per il giornalismo abbia sistematicamente escluso quei tipi di conoscenza che destabilizzano le relazioni di potere egemoniche, e che mettono in discussione identità professionali ed epistemologie stereotipate nel mondo del giornalismo.

Oltre a queste esclusioni, le tecnologie digitali sono state reificate fino al punto che il loro ruolo come forze modernizzanti del giornalismo è relativamente accettato, nonostante gli studi femministi, postcoloniali, scientifici e tecnologici suggeriscano il bisogno di un approccio molto più critico alla logica postcoloniale legittimata. Ma a chi spetta davvero plasmare il futuro del giornalismo?

 










Fotografie